Notizie‎ > ‎

Nomisma: domanda elevata per il quartiere green di Torino

pubblicato 02 ago 2013, 14:26 da Amministratore Di Sistema   [ aggiornato in data 02 ago 2013, 14:28 ]


da Il Sole 24 Ore, 3 Aprile 2012, Maria Chiara Voci 

Laguna Verde Settimo
Da periferia torinese a forte vocazione industriale a quartiere dei sogni, in cui acquistare casa, per almeno 5mila nuclei familiari, che hanno già dichiarato di essere molto interessati a investire su Laguna Verde. 

È questa la parabola del comune di Settimo Torinese e del nuovo insediamento green (850mila mq di cui 320mila di verde e 8mila abitanti teorici), che sta prendendo il posto degli stabilimenti industriali ex Pirelli di via Torino su masterplan dello studio Archa di Torino e dove si preparano a lavorare grandi e nuove archistar, a partire da Cino Zucchi con i giovani di Onesitestudio, Gsassociati e Buro Happold, cordata che ha ottenuto da poco l'incarico per il disegno del primo intervento abitativo di housing sociale sull'area.

A certificare l'interesse è Nomisma, la società di studi economici di Bologna, che da oltre trent'anni si occupa di osservare tendenze e fenomeni in atto sul territorio locale e che ha svolto uno studio, commissionato dalla Pirelli (che attraverso la società Prelios sta investendo direttamente su una porzione delle aree), per esaminare, partendo dall'analisi dei dati socio-demografici del bacino analizzato (136.517 abitanti), la domanda potenziale di edilizia abitativa sociale del progetto di riqualificazione e sviluppo dell'ex area industriale lungo l'asse di via Torino.
Il risultato – per essere un periodo di fortissima crisi economica – ha superato le aspettative. «Sull'area analizzata, che comprende 56.449 famiglie – spiega Elena Molignoni, coordinatore dell'Osservatorio sul mercato immobiliare della società emiliana - circa 5mila sarebbero quelle interessate al nuovo insediamento abitativo. Un dato di "potenziali acquirenti" molto incoraggiante». Un numero che potrebbe essere maggiore se si considera che il numero di famiglie che ritiene non adeguata la propria abitazione è molto più alto, il 14,3% e cioè oltre 8mila. La ricerca – svolta telefonicamente e secondo una selezione a campione - si è, inoltre, concentrata su quelli che sono gli interessi per i servizi presenti nel nuovo insediamento. «L'accesso alla banda larga e la vicinanza a mezzi pubblici e aree verdi sono ai primi posti tra le esigenze di chi cerca casa», spiega ancora Elena Molignoni.


Più in generale, sul territorio di Settimo e sull'area Nord-Est della periferia torinese, l'attuale ciclo immobiliare ha prodotto una tenuta dei prezzi mentre l'attività di compravendita si è contratta (-26% nel 2012 rispetto al 2011). Senza pensare di recuperare i livelli di attività del 2006-2009 (anni di espansione del ciclo) vi sono margini di crescita se si considera che territori vicini come Leinì e Volpiano continuano ad avere il 3% di turn over, che parametrato su Settimo vorrebbe dire passare dalle attuali 400 compravendite a circa 600.
«La ricerca di Nomisma – conclude il sindaco di Settimo, Aldo Corgiat – è confortante sulle potenzialità complessive di Laguna Verde e per quelle specifiche di una sfida nella sfida e cioè un intervento di housing sociale di altissima qualità non solo architettonica ma anche di capacità di innovazione. Insediamento che noi vorremmo dedicare in modo prevalente alle giovani coppie che rappresentano anche il senso del futuro che incarna il progetto di Laguna Verde».

Laguna Verde rappresenta uno dei maggiori progetti di riqualificazione urbana presenti oggi in Italia per volumi, per il mix funzionale previsto, per la dimensione territoriale coinvolta e per la qualità architettonica e concettuale del progetto. Si inserisce nell'ambito di via Torino offrendo un elevato grado di accessibilità in quanto raccordo strategico di molteplici forme di mobilità: veicolare, con la diretta connessione al sistema autostradale; ferroviaria, con il costituendo Sistema Ferroviario Metropolitano; aeroportuale per la vicinanza con l'aeroporto internazionale di Caselle. Il progetto ha recentemente ottenuto un finanziamento di 5,8 milioni di euro nel Piano Città del Ministero dello Sviluppo Economico.

Approfondimenti

  • La presentazione con tutte le schede dei progetti - "La proposta prevede una città sospesa nel verde, ove la superficie a parco, integrato con quello metropolitano di Tangenziale Verde, costituisce la piattaforma che origina le isole verticali, nelle quali si concentrano le funzioni previste. Le connessioni portanti saranno costituite da una diffusa rete di percorsi aerei pedonali, la "Broadway" (vedi immagini) caratterizzati dalla presenza di un ampio asse commerciale sopraelevato. Sono previsti tre interventi: 1) Laguna Verde 2) Borgo Nuovo 3) Cascina Bordina.
Comments