Notizie‎ > ‎

Nasce a Settimo il prototipo di Smart City

pubblicato 08 nov 2014, 08:01 da Amministratore Di Sistema

Come deve essere prima pensata e poi realizzata un città smart? 

Per rispondere a questa domanda, nasce a Settimo Torinese un tavolo di lavoro a seguito dell’accordo di collaborazione siglato tra la città e due grandi aziende, leader nei propri settori come Siemens e Enel Distribuzione, e che ha coinvolto anche la Fondazione Torino Smart City e l’Unione dei Comuni Nord Est Torino.

L’occasione è Laguna Verde, la grande trasformazione territoriale lungo l’asse che collega Settimo a Torino (circa 1 milione di m2 per quasi 8.000 nuovi abitanti) e che si congiunge con le ipotesi di sviluppo della città di Torino lungo l’asse di corso Romania sino a Falchera e con le previsioni urbanistiche di Borgaro, San Mauro e in generale dei comuni dell’Unione NET.

Il protocollo di intesa ha l’obiettivo di attivare un tavolo operativo in grado di elaborare una piattaforma tecnologia, un prototipo di città Smart City capace di indirizzare e guidare tutti gli interventi infrastrutturali che verranno via via realizzati.

Siccome Laguna Verde rappresenta il “foglio bianco” dove poter realizzare davvero un prototipo di “città del futuro” che possa avere tutte le caratteristiche che contraddistinguono una Smart City l’idea è di predisporre, grazie alla collaborazione di imprese leader, una progettazione del nuovo sistema urbano che possa tener conto dei diversi ambiti infrastrutturali (energia, acqua, rifiuti, telecomunicazioni, mobilità).

In questo senso il ruolo di Siemens (società leader nelle tecnologie innovative e nelle soluzioni sostenibili con un portfolio ambientale che comprende prodotti e soluzioni in grado di contribuire alla protezione del clima e della tutela dell’ambiente) e di Enel Distribuzione (azienda leader nello sviluppo e nel “Deployment” dell’innovazione tecnologica per le infrastrutture di distribuzione dell’energia elettrica costituenti le “Smart Grids” e delle soluzioni per gli usi ottimali dell’energia) è fondamentale per creare una piattaforma tecnologica integrata in grado di guidare la realizzazione di una nuova centralità urbana.

Aldo Corgiat, sindaco di Settimo Torinese
“Una città è davvero intelligente – commenta il sindaco della città di Settimo Torinese Aldo Corgiat – se si è in grado di pensare prima tutta una serie di infrastrutture tecnologiche che possano consentire poi a chi dovrà realizzare gli interventi di avere già una piattaforma Smart, altrimenti il rischio è di partire con vecchi modelli e dover poi “inseguire” buone pratiche. Poter contare sul know-how di grandi aziende leader come Siemens e Enel ci consente davvero di realizzare un prototipo di città del futuro che nasce già smart.
Federico Golla, Amministratore Delegato di Siemens S.p.A.
Il protocollo di intesa che firmiamo oggi è un passo importante per uno dei progetti di riqualificazione urbana più importanti del Paese a conferma che l’area torinese è tra le più attive e concrete in fatto di smart cities. Oggi ratifichiamo l’impegno a supportare da un punto di vista tecnico e progettuale lo sviluppo dell’area Laguna Verde di Settimo Torinese. Essere scelti come partner industriale per questo progetto è il riconoscimento dell’attenzione, delle competenze e del know-how che Siemens negli ultimi due anni ha messo a disposizione delle principali amministrazioni locali, a partire da quella di Torino” spiega Federico Golla, Amministratore delegato di Siemens Italia.
Livio Gallo, Direttore della Divisione Infrastrutture e Reti di Enel
"Enel Distribuzione sente la missione di operare come innovatore tecnologico al servizio del Paese e dei cittadini. Per questo da anni stiamo portando avanti progetti di innovazione per la rete elettrica del futuro, le cosiddette “Smart Grids”, e da oggi rafforziamo il nostro impegno con il Comune di Settimo Torinese per la creazione di un ambiente urbano a misura d’uomo, sfruttando anche le nostre competenze sui temi della mobilità sostenibile e dei sistemi di Smart Metering.” – commenta Livio Gallo, Direttore della Divisione Infrastrutture e Reti di Enel.
Enzo Lavolta, Assessore Innovazione Comune di Torino
“Il protocollo d'intesa ci consente di entrare nel merito della trasformazione urbana di un'ampia area al confine delle nostre città in chiave di smart city" - ha affermato l'assessore all'Innovazione e all'Ambiente della Città di Torino, Enzo Lavolta-. 

Nel quadrante Nord Est della città, la visione dicotomica che opponeva Torino e i comuni dell'area metropolitana come aree distinte è stata ampiamente superata e oggi si lavora insieme su progetti di grande respiro con il coinvolgimento dei privati e di aziende interessate a partecipare ad azioni di sviluppo locale. 

L'area tra Torino e Settimo potrà contare sui fondi del Piano Città e la progettazione è avvenuta in un'ottica di integrazione delle funzioni e dei servizi.

Vincenzo Barrea, sindaco di Borgaro Torinese
“L’accordo di oggi – commenta Vincenzo Barrea, presidente di Unione Net e sindaco del comune di Borgaro Torinese – è un perfetto esempio di quello che dovrà essere il futuro delle pubbliche amministrazioni. La capacità di fare sinergia tra operatori pubblici e imprese private diventerà sempre di più un elemento fondamentale per riuscire a migliorare l’offerta di servizi realizzando innovazioni in grado di incidere realmente sulla qualità della vita dei cittadini e ottimizzare le risorse a disposizione.”

Comments